Test clinici per allergie non alimentari nei bambini

I test clinici per allergie non alimentari nei bambini si dividono in due specie: test di eliminazione e test di scatenamento.

 

Test di eliminazione: si sospende l’esposizione del bambino ad un particolare allergene o si cerca di eliminare un alimento e si osserva poi se c’è un eventuale miglioramento.

Test di scatenamento: il bambino dovrà inalare la sostanza alla quale si suppone sia allergico e si osservano poi le reazioni. E’ molto importante che questo test venga effettuato con molta cautela se il bambino è notevolmente allergico in quanto si potrebnbe verificare una reazione talmente grave da mettere a rischio la salute del piccolo.

Vi è poi un terzo test detto di provocazione bronchiale, che, come per quello di scatenamento, deve essere eseguito con estrema cautela e solo in ospedale. Questo esame specifico aiuta a capire se il bambino è allergico a una determinata sostanza e si esegue provocando nel bambino una vera e propria riduzione del lume bronchiale (spasmo) attraverso degli stimoli che possono essere di natura fisica o chimica (ad esempio aria fredda o test da sforzo). Il test avrà come risposta un’adeguata variazione di specifici indici di variazione polmonare.

 

Commenti

ELENCO TAG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.