Il settimo mese di gravidanza settimana per settimana

Dopo sei mesi di dolce attesa, siete giunte finalmente nel settimo mese di gravidanza. Insieme al vostro bambino avete già trascorso dei momenti magici, ma molti altri ancora vi aspettano nei giorni che verranno. Anche il settimo mese di gravidanza è un periodo pieno di cambiamenti nel vostro corpo e in quello del vostro piccolo, che lo porteranno a completa maturazione. 

A sette mesi di distanza da quel momento del primo mese di gravidanza in cui il vostro bambino è stato concepito, dopo le grandi sorprese del secondo mese di gravidanza in cui vi siete accorti di non essere più soli, una volta sperimentati i tipici fastidi dei primi mesi di gestazione – ad esempio nel terzo mese di gravidanza – siete approdate nel quinto mese di gravidanza e a questo punto avrete anche già eseguito la prima ecografia morfologica.

Il settimo mese di gravidanza: tutto quello che devi sapere

Come ormai sapete, il settimo mese di gravidanza inizia ufficialmente quando termina il sesto mese di gravidanza secondo il regolo ostetrico, lo strumento di precisione che usano i ginecologi per calcolare esattamente il periodo di gestazione. Il vostro settimo mese inizierà quindi a 26 settimane e 3 giorni e terminerà a 30 settimane e 4 giorni.

Il settimo mese di gravidanza, a differenza degli altri mesi che avete trascorso, non è solo il mese in cui il feto continua il suo sviluppo verso l’obiettivo delle 42 settimane di gestazione ma anche il mese in cui in alcuni casi può avvenire il parto. Oggi infatti le speranze di sopravvivenza dei bambini di sette mesi sono ancora più alte e ci sono nascite che avvengono anche alla 28 esima settimana di gravidanza con il 60, 70 per cento di possibilità di sopravvivenza del piccolo.

settimo mese di gravidanza cambiamenti

I bambini prematuri, al di là di quanto possono essere all’avanguardia le strutture che li accolgono dopo la nascita, devono affrontare almeno due problemi principali: da una parte i polmoni non hanno ancora prodotto quegli agenti tensioattivi  che impediscono il collasso totale degli  organi tra un respiro e l’altro e dall’altra il loro corpo risulta ancora incapace di termoregolarsi alla perfezione, in quanto non è stato ancora prodotto abbastanza grasso sottocutaneo.

Cambiamenti nel corpo della mamma e del bambino 

Ecco quali sono i principali cambiamenti che interesseranno il vostro corpo e il corpo del vostro bambino nel corso di questo importantissimo mese.

La ventisettesima settimana di gravidanza

Una volta raggiunta la ventisettesima settimana di gravidanza il vostro piccolo sarà protagonista di una esperienza straordinaria: aprirà per la prima volta gli occhi. Le sue piccole palpebre smetteranno infatti di essere sigillate e potrà finalmente guardarsi intorno.

La ventottesima settimana di gravidanza

Nel corso della ventottesima settimana di gravidanza il vostro bambino avrà anche raggiunto delle dimensioni considerevoli: sarà infatti lungo circa 38 cm e peserà sui 900 grammi.

La ventinovesima settimana di gravidanza

Nella ventinovesima settimana di gravidanza, invece, l’aspetto del vostro bambino è diventato ancora più morbido. Gli arti hanno assunto un aspetto arrotondato e la testa avrà delle proporzioni più adatte al corpo. Dato il suo rinnovato volume, il bambino cerca di assumere nel pancione una posizione a lui più comoda e congeniale. Si mette quindi in posizione cefalica, che sarà quella più adatta al parto naturale, e cerca di occupare tutto lo spazio a disposizione. La vostra pancia sarà di conseguenza più voluminosa.

La trentesima settimana di gravidanza

Quanto si arriva alla trentesima settimana di gravidanza, verso la fine del settimo mese, il peso del vostro piccolo sarà ormai raddoppiato rispetto all’inizio. Arriverà infatti a pesare circa 1800 grammi, un peso che dovreste senza dubbio avvertire anche voi come madri! Per questo motivo, da questa settimana in avanti, è molto consigliato utilizzare una fascia elastica che vi aiuti a sostenere il peso del pancione anche durante il mese a venire.

settimo mese di gravidanza

Proprio a causa dell’aumento del peso del bambino e della vostra pancia, nel corso di questo mese potreste cominciare a soffrire di mal di schiena. La schiena è la parte del corpo messa maggiormente sotto stress in seguito all’aumento del volume dell’utero e dello spostamento del vostro baricentro verso la parte anteriore del corpo. Anche i legamenti e le articolazioni dello scheletro diventeranno le zone più sensibili del corpo sempre a ragione del vostro aumento di peso. Potreste di conseguenza faticare a trovare una posizione comoda per dormire.

Sempre l’aumento di peso del vostro corpo vi porterà come nei primi mesi della gestazione ad avvertire spesso la sensazione di dover andare in bagno. Questa volta la minzione più frequente sarà indotta dal peso del feto sulla vescica. Questo fenomeno potrebbe aumentare anche nelle ore notturne. Più avanti indicheremo alcuni utili rimedi per evitare questo comune problema.

Nel corso della quattro settimane che compongono il quarto mese di gravidanza, potreste avere la possibilità di notare del liquido di colore giallastro dalla consistenza sierosa che cola dai vostri capezzoli. Non vi preoccupate per questa manifestazione: si tratta di una cosa del tutto normale dovuta alla produzione del colostro da parte delle ghiandole mammarie. Questo liquido viene naturalmente prodotto sia nel corso della gravidanza sia nei primi giorni dopo il parto prima dell’arrivo della montata lattea. Non tutte le donne, tuttavia, possono avvertire questo fenomeno, ma questo non pregiudica la possibilità di allattare successivamente il bambino con il proprio latte.

Cosa fare nel settimo mese di gravidanza

Per aggirare il problema della minzione frequente e allontanare lo stimolo di dover fare sempre pipì si possono mettere in pratica alcune strategie nel corso del settimo mese di gravidanza. Quanto andate in bagno cercate di svuotare il più possibile la vescica, e per far cambiare posizione al bambino – in modo che non prema continuamente sulla vescica, mentre fate la pipì potete provare ad oscillare leggermente come se lo cullaste.

A partire dal settimo mese di gravidanza iniziano ad essere erogati anche i cosiddetti corsi preparto, che possono essere frequentati da tutte le neo – mamme e i neo – papà. Sono davvero molto utili perché aiutano a confrontarsi con altri futuri genitori che stanno vivendo lo stesso tipo di periodo e gli stessi tipi di problemi. Se potete cercate di frequentarne uno insieme al vostro partner, in modo da conoscere tanti consigli utili al momento del parto e nel corso del puerperio.

settimo mese di gravidanza sintomi

Come abbiamo anticipato all’inizio, alcuni parti prematuri possono verificarsi già a partire dalla ventottesima settimana di gestazione. A ragione di questo, sarebbe sempre buona norma preparare una valigia sotto al letto che contenga tutto il necessario per il parto, da portare all’ospedale all’occorrenza. Quest’ultima, come è noto, dovrebbe contenere non solo tutti i vostri effetti personali, ma anche tutto il necessario per il bambino, secondo quanto richiesto dal centro in cui partorirete. Se non lo avete ancora fatto comprate quindi un corredino della nascita adatto al vostro bambino.

Cosa non fare nel settimo mese di gravidanza

Con i nuovi volumi assunti da vostro pancione a partire dal settimo mese di gravidanza risulterà un po’ più difficile continuare ad avere rapporti sessuali con il vostro partner. Spesso potreste sentirvi anche più spossate a ragione della stanchezza. Essere in gestazione non significa comunque smetter di avere una vita sessuale con il proprio compagno: cercate insieme altri modi intimi per vivere serenamente e senza rinunce la vostra vita di coppia. I massaggi sono ad esempio un modo per trasmettere affetto nel più totale relax.

E una volta giunte al settimo mese di gravidanza ricordate che siete ben oltre la metà della vostra fatica e che manca davvero poco al grande evento! Coraggio e buona gravidanza!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.