Qualche numero sul peso

Non è un mistero che l’industria della perdita di peso abbia costruito un impero fiorente. 

In America, ad esempio, si spendono circa 35 miliardi di dollari ogni anno su un assortimento enorme di prodotti e progetti per la perdita di peso. Inoltre, si spendono altri 79 miliardi di dollari per farmaci, ricoveri e medici per il trattamento di problemi legati all’obesità. Nonostante questo, l’epidemia di obesità continua a diffondersi.

Purtroppo, siamo diventati la generazione più pesante nella storia dell’umanità.

C’è da essere molto preoccupati per questa continua crescita del nostro peso. Ci sono buone ragioni per credere che l’obesità, oltre a provocare malattie cardiache e diabete, sembra anche che abbia un ruolo nello sviluppo di alcuni tipi di cancro.

Ecco alcune delle statistiche più sorprendenti sul nostro peso:

– il 64% per cento degli adulti americani sono in sovrappeso o obesi. Cioè fino a circa l’8 per cento in più rispetto alle stime sul sovrappeso ottenute in un report del 1988.

– la percentuale dei bambini che sono in sovrappeso, inoltre, continua ad aumentare. Tra i bambini e ragazzi età tra i 6 e i 19 anni, il 15 per cento (quasi 9 milioni) sono in sovrappeso. Questo è il triplo del tasso registrato nel 1980!

– quasi un terzo di tutti gli adulti sono ora classificati come obesi. Al presente, il 31 per cento degli adulti di 20 anni di età e più (quasi 59 milioni di persone) hanno un indice di massa corporea di 30 o superiore, rispetto al 23 per cento del 1994. (L’indice di massa corporea – IMC – è un numero che indica il peso corporeo corretto per altezza. Per gli adulti, un IMC di 18,5-24,9 è considerato normale, un IMC pari a 25,0-29,9 è in sovrappeso e il 30,0 o superiore, è considerato obeso).

Commenti

Articolo precedente
Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.