La conservazione del latte materno

Alcuni consigli su come conservare il latte materno.

Se la mamma riprende l’attività lavorativa o non può più allattare a causa di un ingorgo mammario può comunque continuare a somministrare il proprio latte senza dover sospendere l’allattamento, utilizzando un tiralatte o ricorrendo alla spremitura manuale.

Ecco alcuni consigli su come conservare il latte materno:

utilizzare sempre contenitori in plastica, non in vetro, perchè alcune componenti del latte potrebbero attaccarsi alle pareti dei contenitori (sono disponibili sul mercato degli appositi sacchetti). E’ opportuno riempire il contenitore con la quantità corrispondente ad un pasto.

– se si decide di conservare il latte in frigorifero alla temperatura di 3/4°C, non tenerlo per più di 24 ore. Se lo si conserva in freezer alla temperatura di 18/20°C, non più di 3 mesi.

– se il latte viene conservato nel freezer, prima di utilizzarlo, bisogna scongelarlo o in acqua fredda o nel frigorifero (evitando la temperatura ambiente). L’utilizzo di forni a microonde o fornello della cucina per il riscaldamento potrebbero alterare il preziosissimo latte.

-il latte avanzato dopo la conservazione non deve essere assolutamente riutilizzato.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.