Classificazione delle acque minerali per il bambino

Acqua rubinetto

Le acque minerali seguono la seguente classificazione:

Acque oligominerali. Quando il residuo fisso (ovvero la quantità di minerali che rimane dopo che l’acqua ha subito un’evaporazione a temperatura costante di 180°) è inferiore a 200 mg/l.

Acque mediominerali. Hanno un residuo fisso tra 300 mg/l e 1 g/l.

Acque minerali. Il residuo fisso è superiore a 1 g e sono acque molto mineralizzate.

Antifebbrili per bambini

Le acque potabili di rubinetto

Le acque potabili di rubinetto sono generalmente delle acque mediominerali, e contengono quindi un residuo fisso che oscilla tra i 300 mg/l e 1 g/l. Queste acque sono differenti da città a città e non sempre sono di buona qualità; alcune di queste, sono distribuite dagli acquedotti cittadine possono essere contaminate da metalli pesanti e dall’atrazina (erbicida usato nelle piantagioni di mais) che, data la sua persistenza sul terreno, risulta molto pericoloso per le falde acquifere.

Per poter purificare l’acqua del rubinetto si possono utilizzare dei depuratori domestici che richiedono, però, una manutenzione costante: il filtro dovrà essere cambiato spesso perché, se si accumulano col tempo le sostanze tossiche, può diventare fonte di inquinamento. E’ poco consigliato, invece, utilizzare i classici metodi casalinghi di purificazione come la bollitura, poiché rende l’acqua di gusto molto sgradevole.

 

Commenti

ELENCO TAG
Articolo precedente
Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.