Le cause dell’acne adulta

La bella pelle bianca come la neve di cui siete stati tanto orgogliosi durante l’adolescenza si è improvvisamente trasformata in una faccia da strega appena avete superato i 30 anni?

Acne, alla mia età?” è una domanda che si sente spesso nelle persone che si ritrovano con questo problema a 30 o 40 anni. Ed è proprio così e questo fenomeno si chiama acne adulta.

L’acne è una malattia provocata dall’accumulo di sebo, un termine scientifico che indica il grasso sotto la pelle. Quando questo accade si ostruiscono i pori. La situazione peggiora progressivamente e si creano le condizioni per la prolificazione di un battere chiamato Propionibacterium acnes che crea un’infezione che sfoga attraverso i brufoli.

Negli adolescenti l’acne è causata dagli alti livelli di testosterone nel corpo. Il testosterone è una sostanza chimica prodotta dal nostro organismo che aumenta la produzione di sebo e agisce sulla cheratina dei follicoli piliferi.

L’acne adulta è chiamata acne rosacea. È caratterizzata da: pelle rossa sul naso e sulle guance, piccoli puntini rossi, ascessi con pus e piccoli vasi sanguigni rossi visibili sulla superficie della pelle. È comunemente legata all’aumento dei livelli di stress. Le pressioni sul lavoro e le responsabilità familiari incidono sul normale equilibrio dei nostri ormoni che sono una delle cause dell’acne adulta.

Oltre allo stress e il conseguente squilibrio ormonale, altre cause dell’acne adulta possono essere rintracciate nel consumo di alcol, in una dieta poco equilibrata e ricca di grassi e nel fumo.

L’acne crea tanto imbarazzo negli adulti di quanto ne provoca negli adolescenti e ora che sapete quali sono le cause potreste iniziare a riconsiderare il vostro stile di vita e le vostre abitudini alimentare.

Commenti

ELENCO TAG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.