Prevenzione dell’asma nel bambino

B

L’asma è una malattia ereditaria, ma la sua manifestazione è legata anche a numerosi fattori ambientali (esposizione agli allergeni).

Se l’asma è una malattia multifattoriale, si può ipotizzare che la sola prevenzione utile sia quella basata sulla rimozione simultanea della maggior parte dei fattori ambientali o di tutti quelli che hanno rilevanza. Sono più colpiti i figli di persone allergiche, i figli di fumatori di sigarette, i bambini che nascono e vivono in zone con un elevato inquinamento ambientale, come quelle altamente industrializzate. Anche l’inquinamento domestico, come quello dovuto all’acaro della polvere, può scatenare un attacco di asma. Occorre quindi non fumare in presenza del bambino, evitare il fumo in gravidanza, favorire il soggiorno del piccolo in ambienti sani, portare frequentemente il bambino al mare e in montagna, usare in casa prodotti acaricidi e fondere impermeabili per cuscini e materassi. Positiva è l’attività sportiva, in particolare il nuoto, perché l’ambiente umido della piscina di solito previene le crisi d’asma; per lo stesso motivo è bene non riscaldare troppo le abitazioni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.