Allergie agli antibiotici nei bambini

Allergia

Per alcuni bambini (come del resto anche per gli adulti, circa il 5% della popolazione) si può riscontrare un’allergia agli antibiotici. Per queste persone l’antibiotico risulta essere un vero e proprio veleno poiché le reazioni allergiche rappresentano un problema molto serio (ma comunque risolvibile).

L’allergia si manifesta con macchie di colorito bianco o rosso, accompagnate da intenso prurito, gonfiore e arrossamento della pelle insieme ad una sensazione di bruciore; si può verificare anche difficoltà respiratoria, fino ad arrivare, in casi molto rari, allo shock anafilattico, che può essere fatale.

In caso compaiano queste reazioni, bisogna sospendere il trattamento antibiotico e contattare al più presto un medico. Oltre alla sospensione del farmaco ‘colpevole’, bisognerà che questo non venga più assunto; lo stesso comportamento dovrà essere tenuto anche per i farmaci appartenenti alla stessa famiglia.

Generalmente sono due i farmaci adoperati per contrastare gli attacchi allergici: gli antistaminici, che inibiscono la produzione di istamina (è la sostanza chimica principale, responsabile dei sintomi allergici) e il cortisone che è un ottimo ed efficace antinfiammatorio.

L’allergia al farmaco deve essere riportata sulla documentazione clinica del bambino, e deve essere sempre comunicata al medico in caso siano successivamente necessarie altre terapie antibiotiche, come pure in caso di ricorso al Pronto Soccorso o di ricoveri in ospedale.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.