Accurata pulizia del viso del bambino

pulizia viso bambino

Oltre ai piccoli consigli già elencati sul come fare correttamente il bagnetto del neonato, ci sono anche delle piccole regole da seguire per quanto riguarda la sua pulizia del viso.

Come si fa il bagnetto al neonato

Le orecchie: possono essere pulite durante il bagnetto, oppure si possono utilizzare i classici bastoncini cotonati, imbevuti dell’apposito detergente, che verranno fatti scorrere lunga la curvatura del padiglione fin verso il lobo e il trago (quella prominenza che copre in parte il condotto uditivo). E’ sconsigliato, invece, utilizzare il bastoncino per pulire la parte interna del condotto uditivo: questo potrebbe spingere l’eventuale cerume all’interno del condotto e in più c’è il rischio di procurare gravi lesioni al timpano.

Afte nei bambini

La bocca: nel lattante non c’è una vera e propria necessità di pulire accuratamente la bocca. Dopo la svezzamento e la nascita dei primi dentini occorrerà controllare che non ci siano dei residui di cibo dopo il pasto. Potrebbe rivelarsi utile l’utilizzo di una piccola garza sterilizzata, afferrandola tra l’indice e il pollice, per pulire prima l’arcata superiore e poi quella inferiore. Per spazzolino e dentifricio è meglio attendere il compimento dei 18 mesi, mentre lo spazzolino da solo può essere utilizzato nel primo anno, così che il piccolo venga educato all’igiene dentale.

Alitosi del bambino

Gli occhi: per la pulizia degli occhi sarà necessario procurarsi una garza sterile, imbevuta di soluzione fisiologica. La garza va passata delicatamente dall’angolo interno della palpebra fino a quello esterno, prestando attenzione ad eventuali residui della secrezione lacrimale. In caso di congiuntivite, non bisogna toccare la zona infiammata ma vanno messe delle gocce di soluzione fisiologica all’interno dell’occhio.

► Astigmatismo nei bambini

Il naso: con un batuffolo di cotone o una garza si può pulire la parte esterna; il naso, così come le orecchie, si pulisce da solo grazie a quei minuscoli peli presenti che spingo polvere e muco verso l’esterno. Se il bambino non è ancora in grado di soffiarsi il naso da solo allora la fuoriuscita delle secrezioni può essere facilitata utilizzando la soluzione fisiologica.

Commenti

Articolo precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.