Le luci piangenti nelle foto a lunga esposizione di Vitor Schietti

Una delle figure più ricorrenti nelle sue foto è quella del salice piangente. Ma si tratta si salici piangenti fatti di luce. Di luci che sembrano colare direttamente dai rami fino a terra, come se gli alberi fossero stati improvvisamente investiti da un getto di acqua dorata. Sono le foto dell’ultimo progetto artistico di Vitor Schietti, il cui cruccio sono le foto a lunga esposizione.

Vitor Schietti, infatti, per la sua serie di fotografie sperimentali ora raccolte in un album artistico dal titolo Sculture, ha lavorato con la lucentezza dei fuochi d’artificio e con le tecniche della fotografia a lunga esposizione per illuminare i rami e gli steli degli alberi del suo Brasile. Il fotografo è infatti proprio nativo di quella zona e gli alberi del suo paese sono diventati i suoi soggetti preferiti.

Le sue foto sono un misto di lavoro sulle luci con la fotocamera, e un po’di post-elaborazione in grado di combinare fino a 12 scatti in un’immagine finale. Vitor ha condiviso con ThisisColossal il suo progetto.

La serie di foto a lunga esposizione che ha presentato è il risultato di diversi anni di ricerca sulla fotografia con tempi di esposizione molto lunghi, in cui l’uso di filtri ND è stato vitale per trovare un perfetto equilibrio tra la dissolvenza da crepuscolo e la luminosità dei fuochi d’artificio. Sì perché le sue fotto sono ovviamente sempre degli scatti in notturna.

Solo alcuni tentativi sono stati fatti di giorno, poiché il periodo di tempo durante il quale è possibile trovare questo equilibrio è molto stretta (da 30 a 50 minuti). Invece le notti sono più amiche. L’altopiano centrale brasiliano, una specie di savana chiamata “Cerrado” è stato lo scenario per la realizzazione della maggior parte di queste sperimentazioni. I margini del lago Paranoá, le strade e alcuni monumenti iconici di Brasilia sono stati anche luoghi utilizzati per alcune delle creazioni.

La serie è un work in progress, dunque altri scatti seguiranno il prossimo anno o giù di lì. Per vedere di più della fotografia di Vitor Schietti su può cercare il suo profilo Flickr.

light-last

light-4

light-5

light-3

light-2

light-1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.