Il più grande aereo della storia? Era di legno

Il biennio che va dal 1945 al 1947 fu un periodo molto particolare per la storia dell’aviazione. Un eccentrico miliardario con la passione per il volo, Howard Hughes, costruì l’aereo più grande della storia. Si chiamava “The Spruce Goose” ed era di legno.

Nel 1942, al culmine della seconda guerra mondiale, le navi alleate che attraversano l’Atlantico venivano regolarmente attaccate e affondate dagli U-Boot tedeschi (i micidiali sottomarini teutonici), cosa che interrompeva le spedizioni di rifornimenti e truppe verso l’Europa.

Gli Alleati avevano bisogno di un modo per trasportare in modo affidabile e sicuro i grandi carichi utili attraverso l’oceano. L’industriale americano Henry Kaiser ebbe così l’idea della creazione di un aereo cargo di dimensioni senza precedenti, e si rivolse all’eccentrico miliardario – e aviatore – Howard Hughes per costruirlo.

01 Nov 1947, San Pedro, Los Angeles, California, USA --- Howard Hughes makes preparations for the historic flight of the Spruce Goose. --- Image by © Bettmann/CORBIS

L’aereo avrebbe dovuto trasportare 150.000 sterline, 750 truppe o due serbatoi Sherman da 30 tonnellate. Originariamente designato come l’HK-1, l’idrovolante Hughes progettato era assolutamente enorme. Con un peso di 300.000 sterline, con un’apertura alare di 320 piedi, l’aereo è stata la più grande macchina volante mai costruita.

28 Jun 1946, Long Beach, California, USA --- Original caption: Transfer of the world's largest cargo plane from the Culver City, California, plant where it was built to the Long Beach, California base where it will be assembled, constituted one of the most strangest and most difficult moving jobs on record. For six days, hundreds of thousands of Southern Californians watched the fantastic parade of plane parts lumber over a 28-mile land and water route. The biggest problems were created by the three major parts, the 220-foot hull and the 320-foot wing, which was broken into two equal sections for the journey. To make way for the fuselage, it was necessary for power company employees, working a mile in advance, to clip overhead wires. The final and most hazardous stage was the progress of the giant hull over a specially constructed pontoon bridge from the mainland to the plane's terminal island base in Los Angeles Harbor, opp --- Image by © Bettmann/CORBIS

A causa del razionamento, in tempo di guerra, di materiali strategici come l’alluminio, l’aereo è stato costruito quasi interamente in legno. Un comunicato scettico lo ha così soprannominato “The Spruce Goose“.Hughes odiava quel soprannome. Sentiva che era un insulto alla prodezza dei suoi ingegneri, e un appellativo oltretutto impreciso, in quanto quell’aereo era fatto di betulla.

October 1945:  The incomplete hull of a Hughes Hercules 4, the world's largest transport plane.  (Photo by Keystone Features/Getty Images)

La costruzione del piano si trascinò per mesi, in parte a causa del perfezionismo famigerato di Hughes, e la guerra finì prima che il colosso potesse essere completato. Dopo che Kaiser abbandonò il progetto, Hughes ribattezzò il velivolo “H-4 Hercules”.

The 220 foot long hull of Howard Hughes' flying boat emerges from its hangar to begin the 28 mile trip to Long Beach where it will be assembled with its 320 foot wing, Culver City, California, June 16, 1946. (Photo by Underwood Archives/Getty Images)
Nonostante il fatto che esso non fosse più necessario per lo sforzo bellico, e pur essendo alla griglia di una Commissione del Senato per il suo uso di fondi governativi, Hughes ha spinto in avanti la costruzione dell’H-4, per completarlo infine nel 1947.

28 Jun 1946, California, USA --- Original caption: Transfer of the world's largest cargo plane from the Culver City, California, plant where it was built to the Long Beach, California base where it will be assembled, constituted one of the most strangest and most difficult moving jobs on record. For six days, hundreds of thousands of Southern Californians watched the fantastic parade of plane parts lumber over a 28-mile land and water route. The biggest problems were created by the three major parts, the 220-foot hull and the 320-foot wing, which was broken into two equal sections for the journey. To make way for the fuselage, it was necessary for power company employees, working a mile in advance, to clip overhead wires. The final and most hazardous stage was the progress of the giant hull over a specially constructed pontoon bridge from the mainland to the plane's terminal island base in Los Angeles Harbor, opp --- Image by © Bettmann/CORBIS

Il 2 novembre 1947, Hughes ha preso la H-4 si affacciano sul Pacifico, per testare le sue prestazioni di rullaggio. Forse punto dal parere popolare che l’aereo fosse una follia e non avrebbe mai preso il volo, ha preso una decisione spontanea. Ha preso l’acceleratore, e ha fatto volare lo Spruce Goose.

02 Nov 1947, San Pedro, Los Angeles, California, USA --- Howard Hughes and his flight crew make preparations for the trial run of his Spruce Goose. --- Image by © Bettmann/CORBIS

L’aereo è decollato e ha volato per circa un miglio a un’altitudine di 70 piedi prima che Hughes lo abbia riportato verso il basso. The Goose non mai volato di nuovo, ma Hughes aveva dimostrato che poteva farlo. Lo Spruce Goose è ancora in mostra oggi all’ Evergreen Aviation Museum di McMinnville, in Oregon.

Howard Hughes' H-4 Hercules troop transport plane, the "Spruce Goose," Long Beach Harbor.  (Photo By J. R. Eyerman/The LIFE Premium Collection/Getty Images)

“Ho buttato tutto il sudore della mia vita in questa impresa. Vi ho investito tutta la mia reputazione e ho dichiarato più volte che, se si rivelerà un fallimento, probabilmente lascerò questo paese e non vi tornerò mai più. E dico sul serio.” Howard Huges

Via | mashable

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.