Architetture dimenticate: gli antichi pozzi a gradini dell’India

Nella lontana India un’intera categoria di opere architettoniche del passato si sta lentamente sgretolando giorno dopo giorno e sta precipitando nell’oblio, destinata ad essere piano piano dimenticata per sempre. Una imperdonabile incuria che esisteva già 30 anni fa, quando la giornalista di Chicago Victoria Lautman  ha compiuto il suo primo viaggio all’interno del paese e ha scoperto le imponenti strutture chiamate pozzi a gradini.

Come porte di un mondo ultraterreno, le enormi cisterne sotterranee, a volte trasformate in luoghi sacri, sono state progettate come modo primario per accedere al flusso delle acque di falda nelle regioni dove il clima oscillava tra la stagione secca, durante la maggior parte dei mesi, e alcune settimane di monsoni e di piogge torrenziali in primavera.

stepwell-9

Migliaia di pozzi o laghetti a gradini sono stati costruiti in India a partire dal II secolo dopo cristo e fino al IV secolo d.C. dove prima al loro posto apparivano trincee rudimentali scavate nella terra, che si sono poi lentamente evolute in opere molto più elaborate di ingegneria civile e in mirabili esempi architettonici. Con l’XI secolo alcuni pozzi a gradini sono stati commissionati da filantropi ricchi o uomini potenti (quasi un quarto dei quali erano donne) in qualità di tributi monumentali alle divinità dei fiumi, come opere che sarebbero durate per l’eternità. Purtroppo però così non è stato.

stepwell-8

A causa di un calo crescente della falda acquifera dell’India, dovuto al pompaggio regolamentato, la maggior parte dei pozzi si sono da tempo prosciugati e sono quasi completamente in disfacimento. Mentre alcuni e pozzi a gradini vicino a zone battute dal turismo di massa sono ben mantenuti, la maggior parte sono utilizzati come discariche di rifiuti e sono ricoperte di flora selvatica o completamente in rovina. Molti sono stati persino eliminati completamente dalla carte geografiche.

stepwell-7

Ispirata dall’urgenza di documentare i pozzi a gradini prima che scompaiano del tutto, Victoria Lautman ha viaggiato in India molte volte negli ultimi anni ed è riuscita ad individuare 120 strutture in 7 stati. E’ attualmente alla ricerca di un editore per contribuire a portare le sue scoperte e le sesue straordinarie fotografie ad un pubblico più vasto.

stepwell-1

stepwell-2

stepwell-3

stepwell-4

stepwell-5

stepwell-6

stepwell-extra-2

stepwell-extra-3

Via | thisiscolossal

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.